Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 2016 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 1957 (5) 1961 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1) 2017 (1)

martedì 21 luglio 2015

Le origini *italiane* del gigante Grissino


Il buon Gaspare Pero mi invia una missiva elettrica che vi giro:

Ciao Salvatore,
prima dell'altro giorno, le origini italiane del gigante Grissino erano quelle raccontate da Sandro Dossi in una sua storia, secondo la quale il gigante in realtà sarebbe un orfanello umano abbandonato fuori da un convento e cresciuto dai frati finché la sua crescita ha reso necessario trovargli una nuova sistemazione.


Ebbene, anni prima, in una storia del n° 5 del 1966 (che io ho recuperato ristampata), è Pierluigi Sangalli (su testi di chissà chi) a fornire la prima genesi all'italiana per il più grande amico di Braccio di Ferro. La storia, che in origine si chiama "Il pianeta natìo", è riproposta nel n° 3 del 1972 come "Il pianeta del gigante". 


Tutto ha inizio con Grissino intento a fare un po' di ginnastica, se non ché un'imprevista capriola proietta in mare una pioggia di sassi che fa colare a picco il battello di Braccio di Ferro, che passava da quelle parti.
Infuriato, il marinaio raggiunge Grissino a nuoto e gli domanda dove fosse prima di vivere sull'isola.
Grissino proviene dal pianeta Magnum, caratterizzato da una forza di gravità limitata a qualche centinaio di metri dal suolo, abitato ovviamente da esseri della stazza di Grissino. Giocando all'altalena, il povero piccolo gigante finì fuori dall'atmosfera del pianeta e, dopo una serie di rimbalzi, approdò sulla Terra, in prossimità dell'isola che prese ad abitare.


Affogando Braccio di Ferro di lacrime al ricordo dei genitori, Grissino lo convince a partire verso Magnum per prendere contatti coi suoi familiari; approntato un trabiccolo che va a "forza umana spinacizzata", Braccio raggiunge Magnum, contatta i suoi genitori, fa uno scambio di fotografie e allestisce una linea telefonica tra i due pianeti!


4 commenti:

  1. Storia molto carina. Mi ricorda il vecchio telefilm "La terra dei giganti". Magari quello era proprio il pianeta Magnum. :-)

    RispondiElimina
  2. Oggi magari si poteva cambiare la storia usando dei satelliti tra un pianeta e l'altro, e Grissino che telefonava col cellulare. Ma l'idea del cavo fa troppo ridere, quindi è meglio che rimanga così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il nostro modo per festeggiare la missione New Orizons. :D

      Elimina
  3. Ah....
    Lasciamelo dire: chi se lo aspettava!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...