Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 2016 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 1957 (5) 1961 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1) 2017 (1)

mercoledì 10 agosto 2016

Ma che bella famiglia!!!


Gaspare Pero spedisce ed io vi porgo la sua recensione:

All'insegna del politically scorrect bianconiano ti recensisco questa storia "Il biglietto vincente" disegnata da Sangalli recuperata su Braccio di Ferro 449.
Alla taverna del porto un tizio scambia con Braccio un biglietto della lotteria per una bevuta, a breve il biglietto risulta vincente, così il marinaio offre da bere a tutti prima di dare la gioiosa notizia ai familiari.
Mentre questi vogliono rimirare il prezioso pezzo di carta, qualcuno lo ruba, Braccio si dà all'inseguimento ma gli altri vogliono il premio tutto per sé, senza risparmiarsi in randellate, TAMPONAMENTI e AVVELENAMENTI CON INSETTICIDA!! La spunta Trinchetto che però scopre ben presto trattarsi di una burla dei marinai del porto per scroccare tutti una bevuta a Braccio di Ferro. Quest'ultimo la prende con filosofia, e la storia potrebbe anche finire così, se non che anche la figura del bambino di casa (Pisellino) deve uscirne ladra r avida... Beh, da cotanti parenti...!








7 commenti:

  1. non mi aspettavo che braccio la prendesse così bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo perché lo scherzo è stato fatto dai suoi amici marinai del porto.

      Elimina
  2. Ce l'ho questo albo! Bisogna dire che qui Sangalli era veramente in forma, graficamente parlando.

    RispondiElimina
  3. Mi mancavano le storie cattivelle di Popeye

    RispondiElimina
  4. Sembra Alan Ford n.44 "C'era una volta una taglia" ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe interessante un confronto tra le due storie.

      Elimina
  5. certo anche Braccio di Ferro non fa niente per niente eh? "In cambio di cosa?" per un miserabile dollaro :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...