Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (18) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1977 (11) 1983 (11) 1968 (10) 1985 (10) 1988 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1965 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1970 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1957 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1996 (4) 1998 (4) 1954 (3) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

mercoledì 30 novembre 2016

Silver Surfer Nes (Arcadia Systems) 1990*


Oh mio Dio! Un bacchettata sulle falangi! Lacrime e nervi! C'erano tutti gli ingredienti per un gioco epico, un classico senza tempo. La grafica delle schermate d'intermezzo era favolosa per un Nintendo Entertainment System, la colonna sonora strepitosa...ma porco Giuda!
Non si può fare un videogame così difficile! Vabbè che ormai il 99% dei gamers le perle del Nes le cucca a sbafo...ma immaginatevi un bambinetto degli anni novanta che spende cinquanta cucuzze per il suo nuovo cartuccione e lo infila nella console...come minimo tirava giù tutti i santi dal paradiso.
Silver Surfer in questo sparatutto è forte come l'urlo di un muto, tutto è un pericolo negli stages, pure le paperelle di gomma.

La paperella!

Poi è tutto così balzano, i nemici non c'entrano nulla con l'epicità dell'araldo di Galactus, pare che il personaggio Marvel sia stato infilato a forza in un universo partorito da gente con la digestione cattiva.
Pure la trama è mbriaca.
Silver Surfer è convocato dal Sior Magnamondi per raccogliere i pezzi di un aggeggio chiamato "Il Dispositivo Cosmico" (l'annullatore di Richards?) per fermare una "minaccia dall'aldilà". L'aldilà in questo caso è più onirico di quello di Lucio Fulci.

Schermata che non vedrete mai

Silver Surfer è riconosciuto come uno dei giochi più difficili mai sviluppati, la schermata finale penso l'abbiano vista soltanto i programmatori e quei pochi pazzi che su youtube sono riusciti a finirlo. Tocchi una parete e muori.
Ti colpiscono e muori.
Niente barra di energia, non ci sono ricariche nei livelli e l'unico potenziamento è una miscuglio di palline rotanti che ti fa compagnia e spara piccole meduse stellari come te.
Non esistono smart bomb.
Se perdi una vita...devi rifare il livello da capo!


Tenente conto che lo sprite di Silver Surfer è enorme e lentissimo, tipo vecchio in stampelle che attraversa le strisce pedonali e quindi calcolare i tempi di reazione è quasi impossibile.
Soltanto avendo la memoria di Pico della Mirandola si può avere ragione di questo macigno ludico, imparare i pattern di attacco dei nemici e memorizzare tutti gli ostacoli è l'unica via, impresa da folli hardcore gamers.


Volete giocarci? Fatelo a vostro rischio e pericolo.
Io vi ho avvertito.

Schermata che vedrete spesso

L'OST invece è  fichissima! L'ho gia recuperata tutta è messa nello smartphone, ascoltatevi questa cover del main theme fatta da GaMetal!



Questo invece è un longplay per avere idea del gioco e che lo fa sembrare semplice...vi sfido a provarlo e sappiatemi dire:

9 commenti:

  1. Peccato, un personaggio così bello (forse tra i migliori Marvel) ha avuto un videogame così.
    Paperelle di gomma... perché?
    Penso anche io, allora, che magari il gioco era nato per essere altro..^^

    Moz-

    RispondiElimina
  2. -pallonate nei testicoli
    -fissare un televisore spento
    -contare i tombini di Milano
    Sono sono alcune cose più divertenti e meno frustranti di Silver Surfer. Pessimi comandi, difficoltà ben oltre la soglia del ridicolo, grafica e prospettive estremamente scorrette.
    Ma ha anche dei difetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. però la colonna sonora spacca Tim Follin e Geoff Follin dal chip sonoro del Nes hanno tirato fuori un miracolo

      Elimina
  3. Causa connessione schifosa (Wind), il mio messaggio di ieri non è stato inviato...

    In breve sostenevo che un videogioco deve fare innanzitutto il "gioco", quindi distrarmi, divertirmi, spensierarmi, non farmi innervosire, sclerare e bestemmiare... Perché poi mi metto sulle tracce del programmatore per esprimergli tutto quello che il suo "gioco" ha prodotto in me.
    Quindi 'sto coso meno male che non mi è mai capitato sotto mano!

    RispondiElimina
  4. Non era tosto come Battletoads, ma quante incazzature mi ha dato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Battletoads l'ho finito in varie versioni...con Silver Surfer non supero mezzo livello.

      Elimina
  5. http://www.youtube.com/watch?v=uXRiMHtQP_c

    giustamente aveva sentenziato già l'AVGN! xD

    RispondiElimina
  6. Un gioco più fetente di questo? Eccolo!

    RispondiElimina
  7. Il più difficile in assoluto, per NES, pare che sia "Dragon's Lair".
    https://www.youtube.com/watch?v=yJosEn-B-Bg

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...