Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1957 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

domenica 12 aprile 2015

Braccio Di Ferro con "Un Gatto Nel Cervello" come Lucio Fulci


L'ultimo periodo del Braccio Di Ferro Bianconi è il più inviso dai fans, a nessuno piaceva il marinaio in cravatta e Sisley (si perchè quelle sono delle Sisley e non Timberland, ne avevo un paio uguali a quelle in copertina). Le storie, è anche vero, avevano perso verve rispetto al periodo d'oro degli anni sessanta e settanta ma le perle folli potevano essere lette anche nel periodo crepuscolare dello spaghetti guercio. In Braccio Di Ferro n.583 del 1993 ho incontrato questa storia di Pier Luigi Sangalli intitolata "Cattivi Pensieri"  che tutto mi è parsa tranne che "per bambini", pare ispirata allo splatterone "Un Gatto Nel Cervello" del maestro Lucio Fulci. Braccio come il regista che sente il felino nella testa, folle come il Jack Torrance di Shining, assassino.
Abbiate pietà per la pessima qualità delle immagini ma ho cambiato il pc con un fiammante Notebook W8 che mi ha detto "quella fetecchia della Canon che hai ritrovato in discarica non te la installerò mai, taccagno" , quindi da ora in poi Retronika (WOW!) diventa ancora più vintage perchè le foto saranno sfocate e scattate con lo smartphone.


Groucho lo fa Poldo

Allora, Braccio Di Ferro termina il galeone di quello scansafatiche di Dylan Dog ed Olivia, garbata come Salvini in un campo nomadi gli sfascia bottiglia, barca e zebedei.

Tanto gentile ed onesta pare, la donna mia...

Non contenta, la z****la, gli spacca pure la faccia, cose che nemmeno i peggio bulli di Youtube.

La follia!

Il marinaio impazzisce e sente le voci che gli dicono "uccidilaaaa, uccidilaaaa", un diavoletto testardo che diventa un tarlo insopportabile e convince Popeye a buttare giu da un dirupo la signorina Oil.

Tiè! (la foto non è in 3d è venuta male)

Olivia però ritorna, come il peggiore degli incubi e il nano allo zolfo consiglia a Braccio "infilala in una lavatrice e gettala nel fiume". Detto Fatto, come direbbe Caterina Balivo.

Oh! A me sta parte della storia ha fatto impressione, il bello è che Braccio le chiede pure scusa...PLOP!

Ma la segaligna rompic***o ritorna sempre, sempre, sempre...non resta che una soluzione. Damole Foco!


Eh!Eh! capito? Eh! Eh!...Manco Joker quando ha gambizzato Barbara Gordon...per dire

Il marinaio finalmente gode

Ora dopo, quel che avete visto e letto siete ancora dell'opinione che i fumetti Bianconi erano delle imitazioni o degli emuli di Topolino e i suoi fratelli? Erano altro, molto altro...


Per evitare che la censura facesse chiudere la casa editrice, Sangalli, mosso a pietà, utilizzò il finale tipico del "sogno", per tranquilizzare tutti, ma posso garantirvi che il "The End" mi è parso uno sforzo, una cosa dovuta più che altro.
Recuperate sta storia e godetevela.

25 commenti:

  1. Storia terribile. Non ho parole!!... Per ottenere ottime immagini basta uno scannerino da pochi soldi. Io uso una stampante Canon MP470 con scanner incorporato e ottengo buonissime scansioni. Ciao. R. Viesi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberto, è un onore averti tra noi. Anche le tue storie di Braccio (specie quelle di Trichetto e Poldo) erano cattivelle :-)

      Elimina
  2. In effetti una storia del genere su Topolino ce la potremmo sognare, noi lettori (altro che il protagonista)!
    Non so nemmeno quanto ritenerla una storia comica, visto che non si parla tanto dei soliti pugni&mazzate quanto piuttosto dell'omicidio di un personaggio fisso della serie! L'albo non è nella mia collezione, ma gli spunti sono abbastanza "croccanti" per recuperarlo come suggerisci.
    A me del look rinnovato di Braccio non va proprio giù la rimozione della pipa, che spesso gli ha salvato la vita permettendogli di aspirare spinaci in condizioni degne di Houdini...

    Conosco i problemi d'installazione di scanner datati su pc moderni, immagina il danno arrecato da zio Bill quando il pc in questione è quello di un laboratorio di tipografia... Però c'è un trucco che certe volte "funonzia": dovresti riuscire a far vedere a Winzozz lo scanner come stampante PDF in entrata, purtroppo è più facile a farsi (se l'hai fatto già una volta) che a spiegarsi... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà lo scanner è andato in pensione anche per motivi di spazio, comunque in qualche modo provvederò. Vorrei proprio vederla una storia dove Paperino ammazza Gastone o Paperina (negli anni sessanta-settanta ci poteva anche stare), ma negli anni 90 questa storia di Braccio mandava a quel paese tutta la politically correctiness dell'universo. Eravamo già in pieno periodo "censure mediaset" con Lupin 3 eunuco

      Elimina
    2. Beh, non so ... ad esempio, su Facebook c'è una pagina sui momenti "infami" di Paperino & co (a volte un po' forzati, e spesso decontestualizzati, questo è vero ...però).

      Elimina
    3. adoro quella pagina, il vero "Paperino" con il battipanni ed il Paperone carognissimo.

      Elimina
    4. "Vorrei proprio vederla una storia dove Paperino ammazza Gastone o Paperina "
      ... direi che QUESTA storia http://i1226.photobucket.com/albums/ee417/Feartear/Picture0001_zpsef83419c.jpg
      esaudisce il tuo desiderio, no?
      :-)

      Elimina
    5. In effetti c'era una storia dove succedeva proprio questo - Paperino che stermina il parentado 'per davvero', non in sogno o con il pensiero - ma, manco a dirlo, era apocrifa.

      Elimina
    6. Bè, effettivamente una storia del genere, dove Paperino ammazza Paperina e Gastone ( dopo averli colti in flagrante mentre copulano ) e che poi va pure ad ammazzare Paperone, esiste davvero.
      E' una storia francese pubblicate su un numero della defunta Blue ( quale? Boh !, se qualcuno lo sa lo dica ), di quelle che non si scordano.

      Elimina
    7. NB: La vignetta che ho postato prima è autentica e recentissima ...
      http://i1226.photobucket.com/albums/ee417/Feartear/Picture0001_zpsef83419c.jpg

      Elimina
    8. Infatti si vede, per me non ha nulla di cattivo. Andrebbe rispolverato il caro Martina. Ma...stavo pensando i Paperi sono ancora cannibali su Topolino? Nel senso che mangiano polli e galline? Non ci ho fatto più caso...devo rileggermi qualcosa di recente e controllare cosa cucina quella "vacca di Nonna Papera". Citando Bisio

      Elimina
    9. Ma non solo Martina, anche gli autori americani ... Paperino ha ammazzato Pippo almeno un paio di volte, e una volta Topolino si è suicidato. Per non parlare della fine dei fratellini di Tip e Tap. O del papà di Paperino decapitato da Gambadilegno. Oh, tutto questo per dire che, insomma, non è poi del tutto vero che "una storia del genere su Topolino ce la potremmo sognare" ...

      Elimina
    10. Nella mia modesta collezione Disney (un centinaio di Topolino, una ventina di Classici Disney, altrettanti libri Mondadori), le uniche violenze praticate dai personaggi, tanto buoni quanto cattivi, sono furto, rapina, rapimento.

      Elimina
    11. @Giuda e Gas: "El Kid Pampeador" (1959) di Martina e Bottaro, su "I classici di Paperino". Il papà decollato si chiamava Don Pepe Oco dell'Orinoco, era un normalissimo ocone, non umanizzato, però con la faccia di Paperone. E già questo è inquietante. Si permette di beccare il Gamba e lui non fa tante storie, piglia il machete e zac. Orf with his head! Poi rincorre la mamma di Donald per ucciderla e mangiarla. La genialità di Martina sta proprio nel mostrare questi paperi come ANIMALI DA CORTILE, negando beffardamente l'antropomorfizzazione disneyana e riducendo la loro uccisione a qualcosa che per molti bambini di allora era la normalità, senonchè si parla, appunto, del "papà di Paperino". Martina con i suoi "racconti crudeli", ma umoristici, era un po' un mix fra De Sade e Vianello.
      Quando vidi la vignetta nel 78 mi disturbò (erano già altri tempi, i paperi prendevano tante legnate ma non più coltellate), ma la preferisco comunque al politically correct di oggi, in cui non solo Martina, ma anche molto Barks non avrebbe speranza di essere pubblicato.

      Elimina
    12. "el kid pampeador" tra l'altro è una storia ristampata di recente (a marzo 2015) sui Grandi Classici (seppur con gli interventi successivi di Perego che allungano il brodo con 2 tavole apocrife)...

      questa la scena incriminata:
      http://www.papersera.net/public_html2/yabbfiles/Attachments/Don_Pepe.PNG

      Elimina
    13. @JD LaRue: esatto, (anche) di quello parlavo.
      @Gas: Bella collezione, ma evidentemente non completa ;-P ... ti suggerisco la pagina facebook di cui parlavamo prima.

      Elimina
  3. Mi ricorda un po' l'humour nero di Vianello, quando faceva morire la Mondaini.

    RispondiElimina
  4. Braccio di Ferro è sempre stato troppo avanti!
    Stupendo.

    RispondiElimina
  5. Anche questa storia conferma un'impressione già espressa altrove ( nella storia di Natale di Geppo e Salvatore, mi sembra ), e cioé che i Bianconi dei periodi successivi a quello in cui li leggevo io - fine '60/inizio '70 - fossero più pazzi e scatenati, in tutti i sensi.
    Stavo anche pensando alle interrogazioni parlamentari a proposito dei cartoni giapponesi ritenuti troppo violenti, se avessero visto questa storia agli indignados sarebbe venuto un coccolone :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è la stessa cosa che ho pensato anche io. Mi pare che il MOIGE nel 1993 non ci fosse ancora però.

      Elimina
    2. No, non credo ci fosse già, almeno non se ne sentiva parlare, il Moige ha cominciato a far parlare di sé a fine anni '90, inizio 2000, mi pare.
      A proposito, prima accennavo a "interrogazioni parlamentari" sulla base di ricordi personali ; meglio precisare che le interrogazioni non avevano direttamente come oggetto la presunta nippoaranciameccanica. Mazinga e co. venivano citati ( ovviamente in senso negativo ) in interventi che vertevano su tutt'altro.

      Elimina
  6. mi ricorda un'altra storia di Braccio in cui il marinaio collauda un apparecchio che permette di registrare i sogni. L'aggeggio era stato inventato dallo scienziato di turno (uno dei tanti Cervellottis, Krapozzi e simili) e con esso Braccio di ferro riesce a registrare un sogno ricorrente del quale non ricordava mai il finale. Un inizio idilliaco con lui e Olivia che vanno a fare un picnic e fin qui tutto fila liscio.... Braccio non ricordava che durante il sogno cercava in tutti i modi di far fuori Olivia per fuggire con una donna molto più avvenente. E così quando mostra la registrazione del sogno alla sua bella, ecco che il finale divente identico a quello di questa storia :-) Mario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me la ricordo anch'io quest'ultima storia!! scusate se rispondo da anonimo ma son sprovvisto di qualsiasis tipo di account qui richiesto. Ciao,

      Ranieri

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...