Translate

Time Machine

1974 (20) 1975 (19) 1989 (19) 1976 (17) 1981 (16) 1982 (16) 1972 (15) 1978 (15) 1986 (15) 1992 (15) 1994 (15) 1979 (14) 1955 (13) 1967 (13) 1971 (13) 1962 (12) 1973 (12) 1980 (12) 1984 (12) 2014 (12) 1968 (11) 1977 (11) 1983 (11) 1988 (11) 1985 (10) 2013 (10) 1966 (9) 1987 (9) 1993 (9) 1949 (8) 1990 (8) 1995 (8) 2015 (8) 1958 (7) 1965 (7) 1997 (7) 1964 (6) 1991 (6) 2000 (6) 2016 (6) 1957 (5) 1970 (5) 1996 (5) 2003 (5) 1948 (4) 1954 (4) 1959 (4) 1961 (4) 1963 (4) 1969 (4) 1998 (4) 1999 (3) 2001 (3) 2005 (3) 2012 (3) 1928 (2) 1950 (2) 1951 (2) 1953 (2) 1956 (2) 1960 (2) 2002 (2) 2010 (2) 2011 (2) 1929 (1) 1936 (1) 1937 (1) 1938 (1) 1939 (1) 1942 (1) 1943 (1) 1946 (1) 1947 (1) 1952 (1) 2004 (1) 2006 (1)

giovedì 27 febbraio 2014

Poldo sfrutta gli emigrati


La storia è di Tiberio Colantuoni ed ha il titolo  "Microfilms e panini", pescata su Super Braccio di Ferro 170 del 1986. Uno Sbaffini così bastardo credo di non averlo mai incontrato. Poldo  incurante del dolore altrui toglie, letteralmente il "pane di bocca" a poveri cristi di origine meridionale che piangono alla stazione per raggiungere il "gelido nord" delle nebbie e il sudore. Ovviamente i migranti sono tutti tratteggiati da Tib   bassi e con i baffi come nella sacra tradizione della commedia all'italiana  da Tiberio Murgia in poi.

Posso sembrare ignobile? Sei ignobile!

La storia continua  con Poldo che sale sui treni e trafuga dalle valigie di cartone legate con misero spago: bottiglie di vino, pecorino e salsicce.

Su con la vita! Disse il Borghezio di Spinacia

Cattivo! Poi lo premiano pure perchè in un panozzo trova i microfilms di una spia imboscata tra i terruncelli. La storia per me merita 4 stelline piene.

11 commenti:

  1. Effettivamente è un Poldo che si avvicina al viscido Wimpy di Segar.
    Non credo di aver mai visto dei film di Murgia, ma di quei viaggi sud-nord che riempivano i vagoni dei treni ce ne sono alcuni esempi in "Pane e cioccolata".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrai visto Murgia sicuramente ma al momento non "ti passa pa a capa". Pane e cioccolata è una commedia amarissima ma pregevole, uno dei miei film con Manfredi preferito.

      Elimina
    2. Comunque Poldo gli veniva decisamente bene, a Colantuoni. Braccio invece no, era pù arrogante di Tex.

      Elimina
  2. Murgia era sardo, ma gli mettevano il doppiaggio siciliano. A me non è mai piaciuto... non aveva nulla che facesse ridere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che Murgia era sardo, la fisionomia comunque era extrameridionale, a da Agrigentino posso assicurarti che anche con tutte le esagerazioni stereotipate con cui veniva tratteggiato il personaggio a me divertiva molto.

      Elimina
    2. Il problema non sono gli stereotipi... è che lui, Murgia, ha una faccia da bastardo, non mi fa ridere... Niente a che vedere con attori come Nino Terzo, che invece erano simpatici

      Elimina
    3. Quello si , Nino Terzo era un grande e con i suoi "ahfffff!" "ahfffff!" mi faceva scompisciare, tra parentesi il migrante della storia di Colantuoni la sopra sembra Ninuzzo con la maglia di Charlie Brown

      Elimina
  3. Perfetto: a pensarci bene l'originale Poldo era proprio così.
    Un parassita della società

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mio nobile amico... Ti falcerei il prato, se tu ne avessi uno..." dice di solito Wimpy a Popeye, specie nelle tavole domenicali... Se non che un giorno Popeye si ritrova un gruzzolo, si compra un prato e e glielo fa falciare davvero! :-)

      Elimina
  4. Forse Tiberio Colantuoni aveva letto libri che trattavano di razza nordica, razza mediterranea, razza alpina, razza dinarica e razza baltico-orientale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colantuoni era uno che scriveva le scenegiature in romanesco, ne dubito altamente mio caro amico del nuovo corso Bonelli.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...